Stampa

 

 

Lea Pericoli finalista premio Bancarella

FINALISTA AL 47° PREMIO BANCARELLA SPORT,

MALDAFRICA DI LEA PERICOLI SI AGGIUDICA

ANCHE IL 2° PREMIO AL XLIV

CONCORSO LETTERARIO INDETTO DAL CONI

 

 

 

Milano, 22 luglio 2010 - La Commissione Giudicatrice per il 44° Concorso Letterario Indetto dal CONI ha assegnato all’unanimità il 2° premio per la sezione Saggistica a Maldafrica di Lea Pericoli (Gli Specchi Marsilio Ed.). La Commissione, presieduta dal giornalista e critico letterario Walter Pedullà, dopo aver esaminato e discusso le opere presentate, ha premiato Maldafrica per i ricordi autobiografici di un passato bellissimo vissuto in un mondo scomparso, quello delle Colonie. Un'epoca lontana vista con infinita nostalgia dagli occhi di una donna, l’indomita campionessa di tennis Lea Pericoli. Anni trascorsi in paesi stupendi come erano allora: Etiopia, Eritrea, Kenya, Somalia.

 

Maldafrica è stato selezionato nella sestina finalista del Premio Bancarella Sport 47° Edizione in calendario il prossimo 5 settembre a Pontremoli. Il vincitore sarà eletto al termine dello spoglio pubblico delle schede dei 120 membri della grande giuria, composta da personalità del mondo della cultura, sport, del giornalismo, panathleti e librai di tutta Italia.

 

Lea Pericoli, famosa tennista, è oggi una scrittrice affermata, non solo per i numerosi articoli che scrive per quotidiani e riviste: ha all'attivo tre libri, di cui uno solo tratta di tennis: C'era una volta il tennis. Dolce vita, vittorie e sconfitte di Nicola Pietrangeli (2007), per il quale è stata l'unica donna a conquistare il Premio Gianni Brera nel 2009.

Le altre due opere sono racconti autobiografici e portano alla luce i ricordi più cari e lontani: Questa bellissima vita (1976), secondo premio Bancarella Sport e Maldafrica. I ricordi della mia vita (2009).

Maldafrica

 

Per scaricare il comunicato stampa

 

Ufficio stampa:

TML Comunicazione

Giovanna Pasini

via Nirone, 10 - 20123 Milano

t. +390286454812

f. +390286454880
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
www.tml-comunicazione.it